Maria Teresa Atzori

Maria Teresa Atzori è nata nel Veneto con ascendenze sarde e triestine. Vive a Trieste da svariati decenni, dove ha sempre operato nel sociale fin dalla giovinezza.
L’artista è presente in numerose antologie poetiche, fra le quali:
il sapore della terra (Il Ramo d’Oro editore, Trieste); Amor sacro ed amor profano (Parnaso ed. Trieste); Raccolta di poesia contemporanea di autori triestini (Parnaso Ed.); inoltre è inclusa in antologie degli editori Ibiskos (Empoli), Pagine (Roma), Sydaco (Roma).
Nel 2000 pubblica 102 Haiku- illuminazioni poetiche in diciassette sillabe (Il Ramo d’Oro editore, Trieste) con prefazione di Fabio Russo. Le edizioni Adelphi le hanno concesso di poter inserire in apertura una pagina di J.L. Borges, si tratta di un apologo del grande argentino intitolato Della salvezza con le opere.
Nel 2008 pubblica il volume di liriche Lo specchio mobile (Aletti editore, Guidonia, Roma) il cui tema è il tempo.
Nel 2010 le poesie Gli occhi che non ridono (Edizioni del Leone, Spinea Venezia, maggio 2010), particolarmente apprezzato dal poeta, accademico e critico Giorgio Bàrberi Squarotti.
Nel 2012 esce Rosso prevalente poesie d’amore (Edizioni Il Murice, Trieste) con prefazione di Giorgio Bàrberi Squarotti.
2013: alcune sue poesie dedicate alla sorella Nives, scomparsa, sono contenute in Piccola infinita nullità poesie e haiku di Nives Atzori (The writer edizioni, Milano 2013).
306 haiku nel pallone Twins edizioni 2015.
Viaggio all’origine haiku Twins edizioni 2015.
Vincitrice al terzo posto nella sezione poesia, del concorso internazionale “I cambiamenti climatici the grand challenge”,  con il testo Il dono bandito da Ca’ Foscari, Venezia 2015.
È inserita in Gli angeli di Vergarolla e altre storie dell’Istria dimenticata antologia in versi e in prosa, Ibiskos Editrice Risolo (Empoli, 2015) con prefazione di Giorgio Baroni, e in Triestiners racconti per non morire, Ibiskos Editrice Risolo (Empoli 2016).