"Zinque bici, do veci e una galina con do teste" di Diego Manna, 2012

Capita che un giorno, d’estate, te rivi la mail de do amici che i se sta organizando per andar a Budapest in bici. E la mail disi circumcirca cussì:
Ou, femo un ultimo tentativo de convinzer Pasta e Diego, dei. Noi partimo dopodoman. Vegnì?
Inutile dir che el tentativo xe andà a bon fine. E che xe stado un viagio de quei che te se li ricordi per tuta la vita. Talmente memorabile che gavemo pensà de farghe un libro. Coi pupoli.
Copioni!
Xe vero. I ga za fato un libro cussì, semo rivai tardi. Xe che el nostro ritmo in bici iera un bic’ più blando e semo restai indrio…
Alora gavemo pensà de far qualcossa de diverso. Inframezar el raconto del viagio con qualche storiela ispirada ai loghi visitai, ale persone incontrade e a quel che ne xe nato. In pratica con qualche nova picia maldobria, se cussì podemo ciorse el ris’cio de ciamarle.
I veri protagonisti de sto libro sarà alora Ucio e Ciano, veci patochi de età indefinida. Comodamente sentai in osmiza a bater carte e bever otavi, i ne legerà el diario dei zinque ciclisti e i ne lo comenterà, zontandoghe vizin qualche storiela che i ne conterà lori.
In pratica sto libro se pol leger tuto intiero, opur solo el diario, opur solo le storiele de Ucio e Ciano, opur solo i pupoli e po’ bon. Insoma ognidun poderà far quel ch’el vol. Volendo, el xe anca ‘ssai utile per meterlo soto una gamba dela tola, i disi.