"Polska... rivemo!"

di Diego Manna, 2013

Il libro, scritto interamente in dialetto triestino, è diviso in tre sezioni che si alternano. La prima racconta il viaggio in bicicletta di sette ragazzi triestini da Trieste a Cracovia, in dodici tappe. Al termine di ogni tappa, due anziani triestini, ispirati dagli avvenimenti accaduti ai ragazzi durante la giornata, raccontano al lettore un aneddoto dei loro tempi, sul modello delle famose Maldobrie di Carpinteri & Faraguna. Questa doppia linea di narrazione permette al libro di presentare due tipi di dialetto, uno “più giovane”, usato nel ciclodiario in prima persona, e uno più “anziano”, usato nel raccontare gli aneddoti degli anziani in forma di dialogo. Uno degli obbiettivi del libro è infatti quello di voler illustrare l'evoluzione del dialetto triestino tra le diverse fasce di età della popolazione. Una terza parte è dedicata al fumetto, e vede protagonisti un gabbiano e una cornacchia che, parlandosi in dialetto, intervalleranno la narrazione con goffi tentativi di furto di cibo ai danni dei due anziani, usando nel loro vocabolario espressioni e modi di dire tipici della tradizione triestina.

Il libro si è classificato al secondo posto nel Concorso Nazionale Salva la tua lingua locale, dedicato ai dialetti di tutta Italia.